.
Annunci online

SgScafati [ La libertà non è uno spazio libero, la libertà è partecipazione ]
 


Assemblea:

Ogni Lunedì alle ore 21.00 nella mitica

sezione "G.Di Vittorio"

C.so Nazionale, 203

Laicità e Civismo

Italian Blogs for DarfurItalian Blogs for Darfur

Sign for Luca e Davide chiedono sostegno


9 maggio 2008


9 Maggio 1978 - 9 Maggio 2008



15 febbraio 2008


Lettera aperta a Walter Veltroni e Tino Iannuzzi

L’Italia aspetta la nuova stagione, l’Italia guarda al PD ed al nostro progetto con tanta attenzione, molta fiducia, enorme speranza.
Quel vento di cambiamento, che ha alimentato la straordinaria mobilitazione del 14 Ottobre, ci ha consegnato un’enorme responsabilità: quella di disegnare una società nuova, più aperta, più giusta.
La scelta di correre da soli non è dettata dall’incoscienza ma dalla lucida e profonda convinzione che il cambiamento non può essere un termine che si declina a metà,.non può essere un lavoro che si lascia incompiuto.
Yes, we can. Si, si può fare.
Si può sbloccare il Paese e una società immobile.
Si possono sradicare lobby e corporazioni e fare, fino in fondo le liberalizzazioni.
Si possono sconfiggere le mafie e la cultura dell’illegalità
Si può riscrivere un nuovo patto tra le generazioni a partire dal SUD e dalla Campania, la Regione più giovane d’Europa.
E si possono fare anche le deroghe, perché no?
Ma se non abbiamo nulla contro le deroghe, sopratutto per chi in questi anni ha contribuito al radicamento culturale e politico dell’Ulivo, allo stesso tempo vorremmo che venissero applicate anche deroghe a quelle regole non scritte che disegnano oggi una società immobile e cristallizzata.
Per questo auspichiamo che nella costruzione delle liste del PD campano ci sia una deroga anche per coloro che, in tutti i campi, sono gli esclusi per eccellenza: i giovani.
Una deroga per chi in questi anni – nonostante tutto – ha vissuto con passione e serietà un impegno vero e costante per quella “bella politica” che è la risposta migliore a chi rifugge la responsabilità, a chi sceglie l’individualismo e i corporativismi.
Per chi, oggi ha la passione e l’audacia di volersi intestare in prima persona il tema dell’innovazione, del cambiamento, del proprio futuro.
Vogliamo essere, finalmente, fino in fondo, protagonisti del nostro presente.


8 febbraio 2008


13-14 Aprile: si vota!


Il 13 e il 14 aprile ci sarà l’election day….ovvero si voterà per l’elezioni  amministrative e per le politiche. Tutt’insieme …schede gialle,rosse, verdi, blu, arancioni, paonazze…tutte nelle stesso calderone del vecchiume politico italiano. Dinosauri  che si candideranno, dinosauri che compileranno le liste della camera e del senato, dinosauri che faranno accordi nelle loro stanze chiuse. Il Jurassic Park italiano il 13 e 14 Aprile scenderà in campo e grazie a questa “porcata” di legge elettorale non avrà bisogno nemmeno dei consensi, ma saranno loro stessi e a decidere se essere eletti o meno. A questo punto verrebbe  voglia di scappare, andare via, però noi ci siamo e ci saremo proprio perché vogliamo superare questo stato di cose …ci siamo e ci saremo per un rinnovamento reale del quadro politico italiano. In questo video si dice che l’Italia è un paese da distruggere, un posto bello e inutile e  bisogna ricostruirlo. Ecco bisogna ricostruire. Qualcuno ha detto “la casa brucia e lasciamola bruciare” e allora sulle macerie di questi anni cerchiamo di ricostruire. Ricostruiamo un paese dove giustizia sociale, meritocrazia, competenze, libertà, solidarietà , legalità e tolleranza siano i valori fondanti.

"SI NOI POSSIAMO! SAPPIAMO CHE LA BATTAGLIA DAVANTI A NOI SARà LUNGA, MA RICORDATI SEMPRE CHE NON IMPORTA QUALI OSTACOLI SI METTERANNO NELLA NOSTRA STRADA, NULLA PUò METTERSI SUL CAMMINO DI MILIONI DI VOCI CHE STANNO CHIEDENDO IL CAMBIAMENTO"     YES WE CAN!!!



31 gennaio 2008


Totò " Vasa Vasa"

Il signor Totò Cuffaro (conosciuto come ToTò "vasa vasa" per i suoi atteggiamenti sempre affettuosi con tutti, ma proprio tutti!!!) ormai ex-presidente della regione Sicilia, vice-segretario del  partito dell'UDC ha attaccato la trasmissione "Annozero" di MIchele Santoro affermando che doveva essere spostata di una settimana data la sua indisponibilità a essere presente al programma che aveva come tema le sue dimissioni e il rapporto tra criminalità organizzata e politica. Allora noi crediamo Totò "vasa vasa" in tv ci sia già stato troppe volte un'esempio è questo:

 


28 gennaio 2008


PER NON DIMENTICARE



                                             

27 GEnnaio Giornata della Memoria... per non dimenticare
Il 27 Gennaio 1945 l'Armata Russa entrò nel campo di concentramento di Auschwitz liberando i circa 7,000 prigionieri ancora in vita. Inoltre, vennero trovati migliaia di indumenti abbandonati, oggetti vari che possedevano i prigionieri prima di entrare nel lager e 8 tonnellate di capelli umani imballati e pronti per il trasporto. Questo fu il drammatico scenario che i soldati russi si trovarono davanti agli occhi. Son passati 62 anni da quel quel giorno e ogni anno il 27 gennaio noi ricordiamo questa data per ricordare questa folle strage...celebriamo la Giornata della memoria perchè tutto quello che avvenne in quei campi di concentramento non si ripeta MAI PIù!
Ecco ..."mai più" ... questa promessa però è disattesa!!! Gli stermini non sono finiti..oggi ci sono nuove shoah...quelle del popolo Curdo, quelle del popolo Ceceno, quelle del popolo Somalo, quello che accade in Darfur...
 Noi oggi vogliamo ricordare ciò che è stato e vogliamo denunciare con profonda indignazione ciò che ancora accade.


22 gennaio 2008


Ciao, comandante Bulow



E' morto a Ravenna a 92 anni il compagno Arrigo Boldrini, il leggendario "Bulow" Medaglia d'Oro della Resistenza, membro prima della Consulta Nazionale e dell'Assemblea Costituente poi, Presidente onorario dell'ANPI. Il compagno Boldrini ci lascia proprio nel 60esimo anniversario della Costituzione Italiana. Ci sentiamo di dirgli grazie...grazie per il tuo coraggio, grazie per le tue lotte, grazie per averci lasciato un Paese Libero.
ORA E SEMPRE RESISTENZA, comandante BULOW!!!



20 dicembre 2007


Buone Feste!!!




Roma, 14 dic. - I dati ufficiali parlano di 11.226 vittime della tratta di esseri umani in Italia dal 2000 al 2006, ma le organizzazioni avvertono che il fenomeno ha dimensioni "molto piu' vaste e articolate". A scattare una fotografia aggiornata sui flussi di adulti e bambini 'schiavi', coinvolti nello sfruttamento sessuale e costretti a lavoro coatto, mendicita' e attivita' illegali, e' una ricerca realizzata nell'ambito del progetto europeo 'Equal-Osservatorio Tratta', coordinato dall'associazione On the Road, e promossa da Save the Children. Lo studio mette in evidenza come la tratta sia un fenomeno transnazionale, gestito anche da gruppi fortemente organizzati e con ambiti di sfruttamento sempre piu' differenziati. Sensibile il coinvolgimento di minori, anche con meno di 14 anni e spesso di etnia rom, soprattutto nel caso di sfruttamento allo scopo di furti, borseggi ed elemosina.
  Secondo gli esperti, poi, sono in aumento i Paesi di provenienza delle vittime: Romania, Bulgaria, Moldavia, Ucraina ma anche Nigeria, Gabon e Senegal.
"chi e' vittima di tratta, tanto piu' se e' un bambino, vive una tale condizione di segregazione e violenza da diventare invisibile e difficilmente raggiungibile anche da parte di chi, polizia, autorita' giudiziarie e operatori sociali, e' chiamato ad aiutarlo" ha spiegato Carlotta Sami, direttore dei programmi di Save the Children Italia. (tratto da www.savethechildren.it)
Tutto questo lo vediamo quotidianamente nelle nostre strade, nell'indifferenza totale...  A giorni inizieranno le festività natalizie e già stiamo pensando ai regali da fare, a organizzarci per il veglione di Capodanno, dove passare la settimana bianca...etc etc.... a tutto questo pensiamo anche a porci una domanda: Possiamo definirci una società moderna e civile se accade tutto ciò?
Buone Feste!!!


9 dicembre 2007


Il pacco di Natale!



A  Natale tra i regali che scarteremo troveremo anche la disponibilità di Francesco Bottoni a ricandidarsi a Sindaco.

 Lo sappiamo, al confronto, sarebbe stato più gradito il solito pacco di zucchero e caffè come regalo!!!



8 dicembre 2007


Lavorare da morire!

POVERA VITA MIA


Alle volte mi ritrovo con la testa tra le mani
e penso di essere diventato pazzo
mi dico cazzo! non è reale qua mi devo calmare
eh già, devo stare calmo, riprendere il controllo,
lucidità, perché fa caldo qua,
senti che caldo che fa, si muore, ma si fa per dire
non è che fa caldo e uno muore
a meno che non sia anziano e c’abbia problemi col cuore
o di pressione, ma non è che fa caldo e uno muore
il caldo è una cosa naturale, come andare a lavorare
C’è l’affitto da pagare? Vai a lavorare,
lì ti possono sfruttare, umiliare, sottopagare,
cassaintegrare, ma non è che ti possono ammazzare,
non è così, perdio, non è così che deve andare,
cazzo, morire, cazzo morire per poco più di un milione
non può capitare, ma non si sa come
succede ogni giorno a ben tre persone
e io sarei il pazzo! mille morti l’anno è una guerra perdio
ed io sono un pazzo fottuto che con una guerra in corso
vado ancora in giro disarmato, un pazzo, un pazzo fottuto

Povera vita mia chi coglie e magna
chi se ne fa nu rap e chi na pigna
Povera vita mia chi magna e magna
chi se ne fa nu rap e chi na pigna
Più ci penso e più mi è chiaro
il fatto che non sono diventato pazzo
è solo che là fuori c’è qualcuno
che si è messo in testa di ammazzarci tutti
e puoi giurarci che nemmeno lui è pazzo
pazzo è riduttivo per un serial killer recidivo
che poi non è neanche uno
perché sono tanti e sono pure tanto ricchi
e potenti e sfacciati maledetti siano loro
e chi cazzo li ha creati, avidi assassini senza scrupoli
che intascano un miliardo ogni due mesi
e si permettono di parlare
di taglio alle spese e ai contributi
i bastardi fottuti, figurati se c’hanno orecchie per sentire
chi gli parla di riduzione dell’orario di lavoro
per loro se dopo otto ore di lavoro
sei stanco, fai una cazzata e muori
è un peccato e manco per la tua vita
quanto per la pensione che hanno cacciato
e comunque hanno risparmiato
rispetto all’assunzione di nuove persone a pieno salario
è questo lo straordinario obbligatorio
chi vola alle Bahamas e chi va all’obitorio
e dovremmo pure dirgli grazie
perché “offrono” lavoro

Povera vita mia chi coglie e magna
chi se ne fa nu rap e chi na pigna
Povera vita mia chi magna e magna
chi se ne fa nu rap e chi na pigna

Alle volte mi ritrovo con la testa fra le mani
e penso, penso e rifletto: in Italia c’è un conflitto
una guerra che fa più di mille morti all’anno
tra lavoro e mala sanità, e dimmi tu
se questa qua non è pulizia etnica
cos’è come si chiama?
Quando uno che c’ha i soldi può avere tutto
e uno che ne ha di meno non ha diritto
nemmeno a un letto in un ospedale quando sta male
e se vuol farsi curare deve pagare
solo che coi soldi che gli danno quelli del lavoro interinale
c’è l’affitto da pagare, il bambino da mantenere
e cosa cazzo vuoi pagare un dottore
quando non sai nemmeno se tra due mesi
c’ avrai ancora un fottuto lavoro
perché il lavoro interinale non è altro che
una prestazione occasionale di lavoro manuale
non qualificato, esattamente il caso in cui
il rischio d’incidente sul lavoro è quintuplicato
e tutto questo non è capitato
ma è stato pensato, progettato e realizzato
dal padronato in combutta con l’apparato decisionale dello stato
per il quale la vita di un proletario non vale non dico niente
ma sicuramente non vale il costo di un’assunzione regolare
con tanto di corso di formazione professionale;
è evidente il disegno criminale o no?
o sono io che sono pazzo?

Povera vita mia chi coglie e magna
chi se ne fa nu rap e chi na pigna
Povera vita mia chi magna e magna
chi se ne fa nu rap e chi na pigna


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. morti sul lavoro sicurezza diritti vita

permalink | inviato da SgScafati il 8/12/2007 alle 4:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


3 dicembre 2007


X Fausto e Iaio



In occasione dell'ultima proiezione  della rassegna cinematografica oraganizzata da CO.RE. (martedì 4 Dicembre alle ore 21)  verrà proiettato prima del film "lavorare con lentezza"  il corto "Che idea nascere di marzo"  vincitore, per la giuria popolare, del Festival dei Corti organizzato a Scafati il mese scorso dall'Associazione "Artetica" e dalla Pro-Loco Scafati. Questo bellissimo e commovente cortometraggio è stao realizzato in ricordo di Lorenzo (Iaio) Iannucci e Fausto Tinelli, due ragazzi di 18 anni uccisi il 18 marzo 1978, a Milano in via Mancinelli da killer dell´estrema destra.Nel 2001 la magistratura ha archiviato il procedimento penale su questo assassinio politico,
con forti indizi a carico di tre neofascisti romani; i due ragazzi sono stati riconosciuti
vittime del terrorismo.
Oggi avrebbero 47 anni.

Per chi volesse saperne di più vi segnalo:"Fausto e Iaio. La speranza muore a 18 anni",
un Reading di Daniele Biacchessi con musiche eseguite dal vivo da Michele Fusiello.

http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Downloads&d_op=getit&lid=3882&ext=_big.wmv

Fate un giro anche su www.reti-invisibili.net

Un ringraziamento va al regista Osvaldo Verri e agli amici di "Artetica"

sfoglia     febbraio